La dominazione su Mantova ebbe inizio con la figura politica del capitano del popolo,
istituita essenzialmente per bilanciare il potere e l'autorità delle famiglie nobili.
Il primo capitano ad essere eletto, dopo la presa al potere, fu Luigi Gonzaga, il 25 agosto 1328.
La rivolta, caldamente appoggiata dal popolo e con l'appoggio di Cangrande I della Scala,
ebbe successo grazie alla completa convinzione dei Bonacolsi, amici dei Gonzaga e padroni della città,
che fossero loro fedeli. Francesco I, commissionando la costruzione del castello di San Giorgio nel 1395,
creò le basi per l'edificazione delle futura reggia gonzaghesca.
Dopo aver aumentato il loro patrimonio fondiario e monetario,
il loro dominio proseguì ininterrottamente sino al settembre 1433 con l'elevazione del feudo a marchesato.

PrimoCapitano

  Ludovico (Luigi),

primo capitano del

 popolo

1328-1360

 

Ludovico I (Luigi) Gonzaga

 

Ludovico I Gonzaga (Mantova, 1268 – Mantova, 18 gennaio 1360), meglio conosciuto come Luigi (Luigi I o Luigi Corradi da Gonzaga), fu il primo capitano del popolo di Mantova e vicario imperiale del Sacro Romano Impero. Fu il fondatore della dinastia dei Gonzaga.

 

(1268-1360)

 

 

Stemma originario

 dei Gonzaga,

fasciato d'oro e di nero,

 dal 1328 al 1389

Secondo Capitano

Guido Gonzaga

Mantova

 

1360-1369

Guido Gonzaga

 

Guido (Guido I o Guidone), figlio di Luigi Gonzaga e secondo capitano del popolo di Mantova dal 1360, non si ricordano particolari atti di governo nel

periodo in cui fu al potere; giunto al governo già anziano

(70 anni), fu affiancato dai figli, col maggiore, Ugolino, che con ogni probabilità resse effettivamente le sorti dello

stato, almeno fino all'assassinio (14 ottobre 1362)

ad opera dei fratelli, Francesco e Ludovico.

 

(1290-1369)

 

Terzo Capitano

Ludovico II Gonzaga

 

1369-1382

 

Ludovico II Gonzaga

 

Ludovico II Gonzaga (alias Ludovico I o Luigi II) (1334 – 1382), detto anche Luigi, era figlio di Guido e di Beatrice di Bar. Fu il III capitano del popolo di Mantova.

 

(1334-1382)

 

 

Quarto Capitano

Approfondimento

Francesco I Gonzaga

 

1382-1407

 

 

Francesco I Gonzaga

 

Francesco I Gonzaga (Mantova, 1366 – Cavriana, 7 marzo 1407) è stato un condottieroitaliano, IV capitano del popolo di Mantova.

 

(1366-1407)

 

 

5°Capitano 1°Marchese

Approfondimento

 Gianfrancesco Gonzaga

       primo   marchese

 

 

1407-1433

 

Gianfrancesco Gonzaga
dal
1433 marchese di Mantova

 

 (1395 – Mantova, 25 settembre 1444)
fu dapprima V Capitano del Popolo di Mantova dal 1407 al 1433, quindi primo marchese di Mantova dal 1433 alla morte.
 

 

 

(1395-1444)

 

Le grandi armi nello
stemma della famiglia Gonzaga
a partire dal XV secolo

bb

Il marchesato inizia nel 1433 con la consegna a Mantova delle insegne marchionali

da parte dell'imperatore Sigismondo a Gianfrancesco Gonzaga,

che compra il titolo per 120.000 fiorini d'oro Risalgono al marchesato

 i rapporti amichevoli con gli Este e i signori di Milano.

 Grazie a Ludovico III la citta si distinse nel campo dell'arte:

 l'intervento di artisti come Andrea Mantegna lascerà un segno indelebile nella storia di Mantova.

Grazie ai Gonzaga nacque in questo periodo la Scuola di Mantova, destinata a diventare una delle

principali scuole della pittura rinascimentale italiana. Con Isabella d'Este,

una delle donne pia importanti del Rinascimento, che nel 1490 sposa Francesco II,

 la citta conobbe un periodo di grande rilevanza artistica. Con Federico II venne edificato Palazzo Te

e cosa termina con la sua nomina ducale nel 1530, questo periodo particolarmente prolifico a livello

 artistico della storia di Mantova.

 

5°Capitano 1°Marchese

Approfondimento

 Gianfrancesco Gonzaga

       primo   marchese

(1433-1444)

 

Gianfrancesco Gonzaga
sino al 1433 signore di Mantova

 (1395 – Mantova, 25 settembre 1444)
fu dapprima V Capitano del Popolo di Mantova dal 1407 al 1433, quindi primo marchese di Mantova dal 1433 alla morte.
 

(1395-1444)

 

 

Le grandi armi nello stemma 

famiglia Gonzaga
a partire dal XV secolo

Secondo Marchese

Ludovico III Gonzaga

(1444-1478)

 

Ludovico III Gonzaga

Ludovico III Gonzaga, alias Ludovico II o Luigi III, detto il Turco (5 giugno 1412 – Goito, 11 giugno 1478), figlio di Gianfrancesco I Gonzaga e di Paola Malatesta, fu il secondo marchese di Mantova dal 1444 alla data della sua morte. Fu l'esponente più ragguardevole della famiglia e sotto la sua signoria Mantova divenne una delle capitali del Rinascimento

 

 (1412-1478)  

 

Terzo Marchese

 

 Federico I Gonzaga

Approfondimento

(1478-1484)

 Federico I Gonzaga

 Federico I Gonzaga (Mantova,

25 giugno 1441 – Mantova, 14 luglio 1484) fu il terzo marchese di Mantova.
Figlio di Ludovico III e di Barbara di Brandeburgo

(1440-1478)

 

Quarto Marchese

 

  Francesco II Gonzaga

Approfondimento

(1484-1519)

  Francesco II Gonzaga

 

 Francesco II Gonzaga (Mantova, 10 agosto 1466 – Mantova, 29 marzo 1519)
era il figlio del marchese di Mantova Federico I Gonzaga e di Margherita di Wittelsbach, sorella del duca di Baviera.
Fu il
IV marchese di Mantova.

 

(1466-1519)

 

5°Marchese

 

  Federico II Gonzaga
Approfondimento

(1519-1530)

 

  Federico II Gonzaga
 

dal 1530 duca di Mantova

(Mantova, 17 maggio 1500 – Marmirolo, 28 giugno 1540)
fu V marchese poi, dal 1530,

 I duca di Mantova.
Era figlio del marchese di Mantova Francesco II e di Isabella d'Este.

(1500-1540)

 

bb

 

Nel 1627 il ramo mantovano dei Gonzaga si estinse e il titolo ducale passa al ramo francese dei Gonzaga-Nevers,

 che ebbe origine da Ludovico Gonzaga-Nevers.
Casa dei Gonzaga-Nevers
1627-1637
Carlo I di Gonzaga-Nevers
(1580-1637)
1637-1665
Carlo II di Gonzaga-Nevers
(1629-1665)
1665-1707
Ferdinando Carlo iii di Gonzaga-Nevers
(1652-1708)
1708: annessione al Ducato di Milano.
Il Ducato di Mantova ebbe inizio nel 1530 con Federico II, che ottiene il titolo da Carlo V sovrano del Sacro Romano Impero.

Il duca di Mantova fu anche marchese del Monferrato (1536-1574) e poi duca del Monferrato (1574-1708).
Sotto la signoria di Guglielmo Gonzaga Mantova divenne una delle corti più splendide e prestigiose d'Europa e la

 casata dei Gonzaga ricchissima: fu politico accorto e scaltro, capace di rimanere indipendente rispetto ai potentati del tempo

(Papato, Impero, potenze quali Spagna e Francia). Con l'intemperante Vincenzo, amante del gioco e dei vizi,

 inizia il lento ma inesorabile declino della famiglia. Alla morte di Vincenzo II, nel 1627,

 si estinse il ramo diretto dei Gonzaga di Mantova

 e ciò porta alla Guerra di successione di Mantova e del Monferrato:

Carlo I dovette subire il sacco di Mantova da parte dei mercenari lanzichenecchi,

che misero a ferro e fuoco la città portando anche la peste.
Carlo II, per ripianare le finanze di famiglia, proseguì la vendita della famosa collezione di opere d'arte

 iniziata dal suo predecessore.

 Con il decimo ed ultimo duca Ferdinando Carlo, poco incline al governo del suo stato,

 nel 1707 si chiusero quasi quattro secoli di dinastia gonzaghesca e con questi anche la condizione statuale

dei ducati di Mantova e Monferrato.

 

bb

 

 

Federico II

Primo Duca

 

1530-1540

Federico II
sino al 1530 marchese di Mantova

poi Duca di Mantova

 

Federico II Gonzaga

(Mantova,17 maggio 1500 )

(Marmirolo, 28 giugno 1540)
fu V marchese poi, dal 1530, I duca di Mantova.
Era figlio del marchese di Mantova Francesco II

e di Isabella d'Este.

 

(1500-1540)

 

Stemma dei Gonzaga

1575

2°Duca

Francesco III

 

1540-1550

 

 Francesco III

Duca di Mantova e Marchese di Monferrato

Figlio di Federico II e di Margherita Paleologa, Francesco III aveva solo 7 anni quando morì il padre ma nonostante questo, il 5 luglio 1540, venne acclamato duca di Mantova. In attesa del compimento della maggiore età, il governo fu

retto dalla madre Margherita Paleologa e dagli zii

Ercole e Ferrante, nominati suoi tutori.

 

(1533-1550)

 

Stemma di Francesco III

3°Duca

Guglielmo

Duca del Monferrato

 

1550-1587

 

 Guglielmo

(Duca)

Il duca di Mantova fu anche marchese del Monferrato (1536-1574) e poi duca del Monferrato (1574-1708).

 

 

(1538-1587)

 

 

 

Lo scudetto dei
Paleologi nell'arma
dei Gonzaga
 

4°Duca

Vincenzo I
Gonzaga duca di Mantova e Monferrato

 

 

1587-1612

 

 Vincenzo I

Gonzaga duca di Mantova e Monferrato

 

Vincenzo I Gonzaga (Mantova, 21 settembre 1562 – Mantova, 18 febbraio 1612) era il figlio di Guglielmo duca di Mantova e del Monferrato e di Eleonora d'Austria. Nel 1587 successe al padre nella titolarità dei due ducati.
 

 

(1562-1612)

 

5°Duca

Francesco IV
Gonzaga duca di Mantova e Monferrato

 

 

1612

 

 

Francesco IV

Gonzaga duca di Mantova

e Monferrato

Figlio primogenito di Vincenzo I Gonzaga

e di Eleonora de' Medici, Francesco sposò a Torino, il 19 febbraio 1608, la figlia del duca

di Savoia Carlo Emanuele I, Margherita

 

 

(1586-1612)

 

6°Duca

Ferdinando I Gonzaga

VI Duca di Mantova

e Monferrato

 

 

1612-1626

 

 

Ferdinando  I

Ferdinando Gonzaga (Mantova, 26 aprile 1587 – Mantova, 29 ottobre 1626) fu VI Duca di Mantova e Duca del Monferrato dal 1612 al 1626.

 

 

(1587-1626)

 

7°Duca

 

Vincenzo II Gonzaga

VII Duca di Mantova

 

1626-1627

 

 

Vincenzo II Gonzaga (Mantova, 7 gennaio 1594 – Mantova, 25 dicembre 1627) fu VII Duca di Mantova e del Monferrato dal 1626 al 1627. Alla sua morte si estinse il ramo diretto dei Gonzaga di Mantova.

 

1627 

 

Scudetto arma

 

 

La linea trasse origine da Ludovico Gonzaga, terzogenito di Federico II che,

sposando nel 1565 Enrichetta di Nevers, divenne duca di Nevers e Rethel.

 

 

8°Duca di Nevers

Carlo I di Gonzaga

Nevers

1627-1637

 

Carlo I di Gonzaga-

 Nevers 

    

Era figlio di Ludovico Gonzaga-Nevers (Mantova, 1539 – Nesle, 1595) e di Enrichetta di Cléves, duchessa di Nevers e Rethel.

 

 

(1580-1637)

 

   9°Duca di Nevers

Carlo II di Gonzaga-
 Nevers

 

1637-1665

 

Carlo II di Gonzaga-

 Nevers      

Era figlio di Carlo di Nevers e Rethel e di Maria Gonzaga,

 e nipote del duca di Mantova Carlo I. Alla morte del nonno (1637), Carlo aveva appena 8 anni.

Orfano di padre dal 1632, era stato designato successore

 al governo di Mantova sotto la tutela della madre Maria

 

(1629-1665)

 

10°Duca Nevers

Ferdinando Carlo III di Gonzaga-Nevers

 

 

1665-1707

 

 

Ferdinando Carlo III di Gonzaga-Nevers

 

Ferdinando Carlo era figlio di Carlo II Gonzaga-Nevers e di Isabella Clara d'Austria. Ferdinando Carlo successe tredicenne al governo di

Mantova nel 1665, in seguito alla morte del padre. La madre Isabella Clara assunse la reggenza in attesa che il figlio raggiungesse la maggiore età

 

(1652-1708)

 

Decaduto

Ferdinando Carlo

 di Gonzaga Nevers

 

1650

 

Ferdinando Carlo di Gonzaga-Nevers,

ultimo duca di Mantova

 

L'ultimo duca, Ferdinando Carlo di Gonzaga-Nevers, succeduto nel 1665 nella guida di Mantova, ma poco incline a curare gli affari di Stato, fu accusato di fellonia e riparò a Padova dove morì nel 1708. Venne dichiarato decaduto dall'imperatore ed ebbe inizio la dominazione austriaca, terminando di fatto la dominazione gonzaghesca durata ininterrottamente per 400 anni.

 

1708

 

Con Vincenzo I inizia il declino della famiglia Gonzaga. Il quarto duca di Mantova,
a differenza del padre Guglielmo, volle creare una corte sfarzosa e andò incontro a spese ingenti per
 le imprese militari contro i turchi e per la realizzazione della cittadella fortificata di Casale,
ducato controllato dalla famiglia mantovana. Vincenzo si vide costretto ad aumentare le imposte a carico
dei sudditi e a cedere molte terre creando dei feudi a favore di molte famiglie.
Le rendite della famiglia diminuirono sensibilmente con Ferdinando Gonzaga, VI duca di Mantova, tanto che,
per ripianare parte dei debiti che la famiglia aveva contratto, iniziò la vendita della famosa collezione di
opere d'arte accumulata dai Gonzaga nel tempo.
La situazione si aggravò ulteriormente con Vincenzo II Gonzaga, ultimo erede maschio del ramo principale di Mantova.
Costui proseguì la vendita della collezione d'arte, la Celeste Galeria, al re d'Inghilterra Carlo I.
Al fine di assicurare la discendenza alla dinastia, morto Vincenzo II senza eredi,
 venne scelto Carlo I di Gonzaga-Nevers, nonostante il parere contrario dell'imperatore,
che scatena la Guerra di successione di Mantova e del Monferrato.
L'avvento del ramo collaterale della famiglia nel 1627 resterà nella storia come il più brutto periodo
della storia di Mantova. La città nel 1629 venne assediata e saccheggiata da un esercito di lanzichenecchi,
che diffusero anche la peste. Carlo I fu costretto ad abbandonare Mantova e rientra solo nel 1631,
chiedendo l'aiuto della Repubblica di Venezia per i beni di prima necessità .
Con l'avvento di Carlo II di Gonzaga-Nevers, inizialmente sotto la reggenza della madre Maria Gonzaga,
il destino dei Gonzaga era oramai segnato.
L'ultimo duca, Ferdinando Carlo di Gonzaga-Nevers, succeduto nel 1665 nella guida di Mantova,
 ma poco incline a curare gli affari di Stato, fu accusato di fellonia e riparò a Padova dove morì nel 1708.
Venne dichiarato decaduto dall'imperatore ed ebbe inizio la dominazione austriaca,
 terminando di fatto la dominazione gonzaghesca durata ininterrottamente per 400 anni.

 

bb


 

Il Ducato di Mantova ebbe inizio nel 1530 con Federico II,

che ottiene il titolo da Carlo V sovrano del Sacro Romano Impero.

 Il duca di Mantova fu anche marchese del Monferrato (1536-1574) e

 poi duca del Monferrato (1574-1708).
Sotto la signoria di Guglielmo Gonzaga Mantova divenne una delle corti

più splendide e prestigiose d'Europa e la casata dei Gonzaga ricchissima:

 fu politico accorto e scaltro, capace di rimanere indipendente rispetto ai potentati del tempo

 (Papato, Impero, potenze quali Spagna e Francia). Con l'intemperante Vincenzo, amante del gioco e dei vizi,

 iniziò il lento ma inesorabile declino della famiglia. Alla morte di Vincenzo II, nel 1627,

 si estinse il ramo diretto dei Gonzaga di Mantova e ciò portò

alla Guerra di successione di Mantova e del Monferrato:

Carlo I dovette subire il sacco di Mantova da parte dei mercenari lanzichenecchi,

che misero a ferro e fuoco la città portando anche la peste.
Carlo II, per ripianare le finanze di famiglia, proseguì la vendita della

famosa collezione di opere d'arte iniziata dal suo predecessore.

Con il decimo ed ultimo duca Ferdinando Carlo, poco incline al governo del suo stato,

 nel 1707 si chiusero quasi quattro secoli di dinastia gonzaghesca e con questi anche la condizione

statuale dei ducati di Mantova e Monferrato.

 

bb

 

 

1708: annessione al Ducato di Milano.
Il Ducato di Mantova ebbe inizio nel 1530 con Federico II, che ottiene il titolo da Carlo V sovrano del Sacro Romano Impero.

 Il duca di Mantova fu anche marchese del Monferrato (1536-1574) e poi duca del Monferrato (1574-1708).
Sotto la signoria di Guglielmo Gonzaga Mantova divenne una delle corti più splendide e prestigiose d'Europa e

 la casata dei Gonzaga ricchissima: fu politico accorto e scaltro, capace di rimanere indipendente rispetto

ai potentati del tempo (Papato, Impero, potenze quali Spagna e Francia). Con l'intemperante Vincenzo,

 amante del gioco e dei vizi, iniziò il lento ma inesorabile declino della famiglia. Alla morte di Vincenzo II, nel 1627,

 si estinse il ramo diretto dei Gonzaga di Mantova e ciò portò alla Guerra di successione

di Mantova e del Monferrato: Carlo I dovette subire il sacco di Mantova da parte dei mercenari lanzichenecchi,

che misero a ferro e fuoco la città portando anche la peste.
 

 

Guglielmo

Duca del Monferrato

 

Lo scudetto dei

Paleologi nell'arma

dei Gonzaga

 

 

bb