Cosimo di Giovanni de' Medici detto il Vecchio o pater patriae

(Firenze, 27 settembre 1389 – Careggi, 1º agosto 1464)
E'stato un politico e banchiere italiano, primo signore di fatto di Firenze e primo uomo

 di Stato di rilievo della famiglia Medici.

Figlio di Giovanni di Bicci e di Piccarda Bueri, fu educato da

Niccolò di Pietro e Roberto de' Rossi.
Sin dalla prima gioventù entrò nel Banco Medici a fianco del padre, dove ebbe una solida preparazione come banchiere.
Nel 1415 accompagnò l'Antipapa Giovanni XXIII al Concilio di Costanza.
Lo stesso anno fu nominato priore e poco dopo fu usato spesso come ambasciatore.
Viaggiò molto con il fratello Lorenzo durante la pestilenza di

Firenze a Ferrara, Verona e Venezia (1430).
Si manifestò fin dai primi incarichi politici la sua proverbiale prudenza:

 sebbene i suoi interessi economici
necessitassero un fermo controllo della vita politica cittadina, egli non mirava a

diventare Signore della città, magari con un colpo di mano o cercando di essere

eletto nei ruoli più prestigiosi di governo,
ma la sua figura restava in ombra, vero burattinaio di una serie di personaggi fidati che

per lui ricoprivano incarichi chiave nelle istituzioni.
Così, mentre numerose famiglie entravano nel partito mediceo,

altre iniziarono a vedere in lui una minaccia
e tra sottomettersi a Cosimo o sfidarlo apertamente scelsero la seconda strada.

In particolare le antiche e ricchissime famiglie degli Albizzi e degli Strozzi furono a capo della fazione anti-medicea.
Con un colpo di mano Palla Strozzi e Rinaldo degli Albizzi lo fecero imprigionare

nel settembre 1433 riuscendo
a farlo incolpare del fallimento dell'ultima campagna per la conquista di Lucca,

a farlo dichiarare magnate, cioè "tiranno".
Una serie di "bustarelle" abilmente distribuite evitarono comunque condanne irrimediabili,
con la conversione della pena a esilio, la cosiddetta prima cacciata dei Medici.
Cosimo trasferitosi a Padova e a Venezia (dove lasciò al monastero benedettino di

San Giorgio una collezione libraria
e i disegni di Michelozzo per una nuova biblioteca) trascorse un esilio dorato

 come un monarca in visita ufficiale,
e grazie alle sue potenti amicizie ed alle buone riserve di capitali,

 poté oliare certi ingranaggi della
Repubblica Fiorentina per preparare il suo rientro: le istituzioni repubblicane,

 nel loro frenetico alternarsi,
cambiarono nuovamente e questa volta Cosimo riuscì a riprendere le redini del potere

facendo eleggere un governo a lui favorevole, che lo richiamò appena un anno dopo la sua partenza esiliando i suoi oppositori.
L'entrata trionfale di Cosimo, acclamato dal popolo, che preferiva i tolleranti Medici

 agli oligarchici e aristocratici Albizzi,
segnò il primo trionfo della casata.
Dopo aver spedito gli avversari a loro volta in esilio, si affermò come arbitro assoluto della politica fiorentina,
pur senza coprire direttamente cariche

(fu solamente due volte gonfaloniere di giustizia).
Attraverso il controllo delle elezioni, del sistema tributario e la creazione di

nuove magistrature
(come il Consiglio dei Cento) assegnate ad uomini di stretta fiducia, pose le solide basi
del potere della famiglia dei Medici, rimanendo comunque formalmente

rispettoso delle libertà repubblicane.
Molti lo hanno definito un criptosignore, che teneva le redini dello stato dal suo

Palazzo in Via Larga,
dove ormai si recavano gli ambasciatori in visita per trattare degli affari che contavano,
dopo un fugace saluto di circostanza ai priori di Palazzo della Signoria che,

come avveniva per le altre cariche dello stato, erano scelti fra i suoi.

Si comportò con generosità e moderazione ma,
ravvisandone la necessità, seppe anche essere spietato. Quando Bernardo d'Anghiari,

accusato di un complotto,
fu, per ordine dei priori, precipitato da una torre, Cosimo commentò:
"Un nemico precipitato giù da una torre non giova a granché, ma neppure può far male". Aggiungendo:
"Gli stati non si governano coi paternostri".
Nessuna vera e propria contestazione si ebbe più della sua influenza,

esercitata con saggezza attraverso famiglie
come i Pitti o i Soderini.
Nel 1439, grazie a cospicue elargizioni in denaro,

riuscì a convincere Papa Eugenio IV a spostare il concilio
di Ferrara a Firenze, nel quale si stava discutendo l'unione

 tra chiesa latina e chiesa bizantina,
anche a causa della peste che minacciava Ferrara.

 L'arrivo dei delegati bizantini a Firenze, del papa,
dell'Imperatore Giovanni VIII Paleologo, con tutta una corte di colorati e bizzarri personaggi dall'Oriente,

stimolò incredibilmente la fantasia della gente comune e ancora di più

degli artisti fiorentini, tanto che da allora si iniziò a parlare di Firenze come della nuova Roma.

A questa pletora di letterati e prelati orientali, detentori di brandelli dell'antica cultura ellenica, corrispose una straordinaria fioritura
di studi greci, con una costante presenza da allora di maestri di greco e di codici antichi

nel Palazzo Medici.
Di quel periodo abbiamo una vivace raffigurazione negli affreschi della

Cappella dei Magi di Benozzo Gozzoli,
terminati all'epoca del figlio di Cosimo, Piero il Gottoso.
Il suo monaco e scrittore della corte dei Medici, il nobile Leonardo Alberti de Candia,
con lo pseudonimo di "Leonardo da Pistoia, il monaco"

fu incaricato da Cosimo de' Medici di reperire
per suo conto antichi manoscritti in lingua greca e latina per il territorio degli

antichi stati Bizantini.
Nel 1453 durante un viaggio in Macedonia, il suo scrittore Leonardo da Pistoia

(monaco) scoprì quattordici libri
del Corpus Hermeticum, un testo greco di Ermete Trismegisto.

L'opera scoperta da Leonardo era la copia originale
appartenuta a Michele Psello, risalente all'XI secolo. Ritornato a Firenze,

 il monaco Leonardo da Pistoia consegnò
il Corpus Hermeticum a Cosimo de' Medici che non più tardi del 1463 incaricò

Marsilio Ficino di tradurre dal greco al latino.
Il Corpus Hermeticum composto da scritti dell'antichità rappresentò la fonte di ispirazione del pensiero

 ermetico e neoplatonico rinascimentale. Negli anni si ritirò in vita privata alla villa di Careggi dove morì.
Alla sua morte la Signoria fece scrivere Pater Patriae sulla lastra della sua tomba, posta simbolicamente

 davanti all'altare della chiesa di San Lorenzo, in un luogo che nelle basiliche cristiane era di solito riservato

 alle reliquie dei santi ai quali era dedicata la chiesa.
In politica estera, dopo la vittoria definitiva contro i Visconti con la Battaglia di Anghiari,
allontanò Firenze dall'alleanza con Venezia, i cui interessi non erano più complementari,
ma anzi iniziavano ad essere combacianti, per legarla saldamente alla

 vecchia nemica di Milano, ora nelle mani di Francesco Sforza.
Uomo colto e mecenate, Cosimo fu tra i primi signori ad esercitare la magnificenza

 nelle arti e nell'architettura.
Cosimo si circondò di letterati e umanisti, raccolse libri rari e fece costruire a Firenze
il Palazzo Medici e il Convento di San Marco a Michelozzo.

Solo per la costruzione del convento domenicano
Cosimo mise a disposizione la somma astronomica di 85.000 fiorini d'oro.

 Qui sistemò una parte della sua collezione
di libri rari e la dotò della prima biblioteca pubblica di Firenze. Inoltre portò avanti i lavori

 a San Lorenzo, iniziati dal padre e progettati da Filippo Brunelleschi.
Anche il mecenatismo fu un'arma nelle mani di Cosimo, intesa come fine investimento propagandistico:
con la sua benevolenza a artisti e poeti, obbligava la città a parlare con ammirazione di lui,
si creava un sistema di debiti morali e e di riconoscenza,

che in politica contavano quanto quelli monetari.
La sua straordinaria saggezza fu quella di non far dissociare mai il suo nome da quello di Firenze:
così nessuno avrebbe pensato con invidia alla sua ricchezza,

ma vista sempre in un'ottica di benevolenza verso il bene comune della città.
Anche a Milano fece costruire un palazzo a Michelozzo, con decorazioni di

Vincenzo Foppa.
Amò la vita di campagna, e in Mugello fece lavorare il suo architetto Michelozzo

 per ristrutturare le ville di famiglia del Trebbio, di Cafaggiolo,

oltre alla chiesa del Bosco ai Frati.
A Careggi fece pure costruire la villa dove si svolse gran parte della sua vita familiare.
fu anche amico e benefattore di numerosi artisti, tra i quali Beato Angelico, Donatello,

Filippo Lippi, Paolo Uccello. Fu molto legato a Marsilio Ficino,

con il quale rifondò l'Accademia Neoplatonica, luogo ideale per il ritrovo degli umanisti,

che potevano scambiarsi le varie teorie filosofiche.
A Ficino arrivò a lasciare una casa a Firenze e una villa nei pressi di Careggi.
Mentre diventava uno degli uomini più ricchi d'Europa, sotto la sua direzione il

Banco Medici divenne con lui uno dei principali istituti bancari d'Europa e l'arte di Calimala

 raggiunse la massima estensione,  con filiali a Londra, Bruges, Barcellona, Valencia, Ginevra, Avignone,

Roma, Venezia e Pisa, e collegamenti a molte altre compagnie subalterne.
Nel suo patrimonio personale figuravano poi numerose botteghe artigiane in città,

 ereditate dal padre o da lui comprate.
Nonostante l'aver profuso denaro a piene mani,

 sottraendolo alle proprie finanze per incoraggiare studi e per
pagare mirabili opere d'arte, spese che superficialmente si potevano giudicare come improduttive, alla sua morte
i suoi averi personali erano praticamente raddoppiati rispetto al 1440.
Cosimo si sposò con Contessina de' Bardi nel 1416,

figlia di Giovanni Conte di Vernio e di Emilia Pannocchieschi
dei Conti di Elci, dalla quale ebbe due figli:
Piero detto il Gottoso (1416-1469), Signore di Firenze, padre di Lorenzo il Magnifico
Giovanni (1421-1463), non ebbe discendenza.
Ebbe inoltre un figlio naturale da una schiava circassa,
Carlo (1428/1430 circa-1492), prelato.